Sì alla detrazione per recupero edilizio per l'inquilino autorizzato dopo l'inizio dei lavori

  seacinfo

Con Risposta ad Interpello 22 maggio 2020, n. 140, l'Agenzia delle Entrate ha ammesso la detrazione per recupero edilizio anche per l'inquilino che ha effettuato interventi nell'immobile regolarmente affittato, ottenendo il consenso scritto all'esecuzione dei lavori da parte del proprietario solo dopo la realizzazione delle opere.Secondo l'Amministrazione finanziaria, l'acquisizione dell'autorizzazione del proprietario dopo l'inizio dei lavori non preclude la detrazione, a patto che sia formalizzata (in forma scritta, non è sufficiente un'autorizzazione resa telefonicamente) entro la data di presentazione della dichiarazione dei redditi nella quale si intende fruire della detrazione medesima.Diversamente, la mancanza all'inizio dei lavori di un titolo di detenzione dell'immobile risultante da un atto registrato preclude il diritto alla detrazione, anche se si provvede alla successiva regolarizzazione.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più