SEAC Editoria Ti informa

  • Messaggi ( 4282 )
  • Il conferimento d'azienda

    Il conferimento d’azienda è l’operazione mediante la quale un’impresa individuale, società o ente, conferisce un’azienda, oppure un ramo aziendale dotato d’autonoma capacità di esercitare attività d’impresa, ad un altro soggetto, che può essere già preesistente o sorgere a seguito del conferimento (New.Co.),  e riceve quale corrispettivo una partecipazione nel capitale sociale della conferitaria. Il conferimento d’azienda è un istituto sempre più diffuso, perché funzionale al raggiungimento di diversi obiettivi. L’operazione è essenzialmente neutrale dal punto di vista fiscale e, dunque, non comporta alcuna tassazione ai fini delle imposte sui redditi e IRAP. È ...
    chevron_rightLeggi di più
  • La composizione negoziata

    La riforma della crisi d’impresa, entrata in vigore il15 luglio 2022 con il D.Lgs. n. 14/2019, ha creato un quadro normativo sistematico caratterizzato da importanti novità, cui i professionisti devono necessariamente confrontarsi. Una delle novità di maggior rilievo è rappresentata dall'introduzione della composizione negoziata, uno strumento stragiudiziale che consente a qualsiasi imprenditore, affiancato da un esperto, l’opportunità di individuare una soluzione idonea al superamento della situazione di squilibrio.  Di qui, l’importanza dell’attività del consulente, tenuto ad informare il cliente in ordine alla situazione patrimoniale ed economico-finanziaria in cui versa...
    chevron_rightLeggi di più
  • La fattura elettronica e la promozione dell’adempimento spontaneo

    Il Provvedimento 24 novembre 2022 ha sostituito integralmente le disposizioni contenute nel Provvedimento del 30 aprile 2018, che individuava le regole tecniche per l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche. Perché l’Agenzia ha fatto questo intervento? Il Provvedimento ha sostituito integralmente le disposizioni contenute nel Provvedimento del 30 aprile 2018, al fine di recepire le disposizioni dell’articolo 14, D.L. n. 124/2019 nonché le previsioni contenute nel Parere n. 454 del 22 dicembre 2021 del Garante per la protezione dei dati personali. Ai fini Privacy, infatti, viene previsto che i file delle delle fatture elettroniche e delle note di variazione possano esser...
    chevron_rightLeggi di più
  • Lavoratori italiani all'estero e gli adempimenti delle aziende

    Delocalizzazione della produzione, ricerca di nuovi mercati da esplorare, possibilità di usufruire di centri di eccellenza nella ricerca e altre necessità di business: questi sono tra i motivi per i quali la mobilità sul lavoro è prassi ormai diffusa e in costante crescita. Abbiamo rivolto qualche domanda a Maurizio Cicciù, consulente del lavoro ed esperto di lavoro all’estero spiega che questo è il motivo che lo ha spinto a pubblicare su questa tematica il volume “Lavoratori italiani all'estero”, edito da Seac. Maurizio Cicciù, a cosa si deve porre attenzione quando si sceglie di inviare all’estero un lavoratore? “Diciamo che, una volta scelto il corretto candidato all...
    chevron_rightLeggi di più
  • L’assunzione con contratto di apprendistato

    Il contratto di apprendistato può essere considerato da molti punti di vista il contratto migliore per un’azienda per assumere giovani con età inferiore a 30 anni, perché consente di formare un lavoratore in modo tale che questi apprenda il lavoro, garantendo al datore di lavoro minori costi sotto il profilo retributivo e contributivo rispetto all’assunzione di un lavoratore qualificato. La riforma degli ammortizzatori sociali, intervenuta nel corso del 2022, ha avuto effetto anche sugli apprendisti, in quanto sono state estese a tali lavoratori le tutele delle integrazioni salariali, prima limitate solo ad una parte.   L’apprendistato nel nuovo volume del centro Studi Seac Il ...
    chevron_rightLeggi di più
  • l'IVA fa 50!

    Compie 50 anni l’emanazione del Decreto istitutivo dell’Imposta sul Valore Aggiunto. Il D.P.R. n. 633 è datato infatti 26 ottobre 1972. L’IVA è un’imposta particolare, e spesso i fiscalisti hanno una passione per quest’imposta: perché è complessa, perché è plurifase. Non è strano vedere un commercialista appassionarsi nel parlarne. Ne parliamo con Paolo Chizzola, Dottore commercialista e revisore legale, responsabile del settore Fiscale di SEAC e Responsabile scientifico di SEAC Cefor Srl, svolge incarichi di docenza in materia fiscale per SEAC CEFOR srl, proprio con specializzazione sulla disciplina IVA.    Paolo Chizzola, i 50 anni dell’IVA sono un traguardo impor...
    chevron_rightLeggi di più
  • Il credito d’imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

    L'art. 1, commi da 1051 a 1063, Legge di Bilancio 2021 (Legge n. 178/2020) ha introdotto in favore delle imprese (e professionisti) un credito d'imposta per le spese sostenute a titolo di investimento in beni strumentali nuovi, destinati a strutture ubicate in Italia. Il credito d'imposta in oggetto può essere qualificato dal punto di vista contabile come un contributo in conto impianti. I contributi in conto impianti sono somme erogate dallo Stato o da altro ente pubblico, per la realizzazione di iniziative dirette all'acquisto, costruzione, riattivazione e ampliamento di immobilizzazioni materiali. Sulla base di quanto previsto dal Principio Contabile OIC n. 16, paragrafo 87, tali cont...
    chevron_rightLeggi di più
  • Nuova dichiarazione IMU: c’è tempo fino al 31 dicembre

    Con Decreto MEF 29 luglio 2022 è stata approvata la nuova dichiarazione  IMU con le relative istruzioni, e c’è tempo  fino al 31 dicembre per presentarla. Il nuovo modello sostituisce il precedente istituito con Decreto 30 ottobre 2012. La predisposizione della nuova dichiarazione si è resa necessaria al fine di aggiornare il vecchio modello, che non teneva conto: della nuova disciplina IMU, regolata, a decorrere dal 2020, dai commi da 738 a 783, Legge n. 160/2019; delle agevolazioni che hanno interessato l'imposta durante il periodo dell'emergenza epidemiologica da Covid-19. È stato inserito infatti lo specifico campo 21, denominato "Esenzioni quadro temporaneo Aiuti di Stato"...
    chevron_rightLeggi di più
  • L'entrata in vigore del Codice della Crisi d'Impresa e i Decreti correttivi

    Il mondo dell'insolvenza e delle procedure concorsuali è stato interessato negli ultimi vent'anni da numerosi interventi, con l’intento di modernizzare e rendere adeguata alle esigenze degli operatori la disciplina originaria, contenuta ancora nel Regio Decreto n. 267/1942. Questi interventi però hanno peccato di organicità e sistematicità, generando diverse criticità di applicazione ed accentuando, secondo quanto dichiarato nella a relazione illustrativa del D.Lgs. n. 14 del 2019, "il divario tra le disposizioni riformate e quelle rimaste invariate, che risentono ancora di un'impostazione nata in un contesto temporale e politico ben lontano dall'attuale”. L'esigenza di una compl...
    chevron_rightLeggi di più
  • Lavoro agile: le nuove regole

    Dal 1° settembre, per ricorrere al lavoro agile sarà necessario stipulare un accordo individuale tra le parti: il datore di lavoro dovrà comunicare telematicamente al Ministero del Lavoro i nominativi dei lavoratori e la data di inizio e di cessazione delle prestazioni di lavoro in modalità agile. In sede di prima applicazione delle nuove modalità, il Ministero del Lavoro ha reso noto che la comunicazione telematica potrà essere assolta entro il 1° novembre 2022.   Le novità del lavoro agile Quali sono le novità in materia di lavoro agile? I dubbi sono molti e non tutti i nodi sono stati sciolti da parte del Ministero del Lavoro. Ci viene in aiuto l’Informativa AP n. 355, in...
    chevron_rightLeggi di più