SEAC Editoria Ti informa

  • Messaggi ( 501 )
  • La dichiarazione dei redditi esteri nel modello 730

    Dal 2024, è stata ampliata la possibilità di utilizzare il 730 per dichiarare redditi esteri: in applicazione di quanto disposto dall'art. 2, comma 1, D.Lgs. n. 1/2024, il modello semplificato può essere presentato anche dalle persone fisiche titolari di redditi per i quali in passato era necessario presentare il mod. REDDITI, oppure compilare i quadri RM ed RW in aggiunta al mod. 730. Si tratta, in particolare: dei titolari di redditi finanziari o di tipo immobiliare detenuti all'estero per cui è richiesto il monitoraggio fiscale e l'eventuale pagamento, rispettivamente, dell'IVIE e IVAFE. quelli che hanno effettuato la rivalutazione dei terreni posseduti all'1.1.2023. è stata di...
    chevron_rightLeggi di più
  • Le novità 2024 per la rottamazione del magazzino

    La Legge di Bilancio 2024 ha riproposto la cosiddetta "rottamazione del magazzino", ossia l'adeguamento delle esistenze iniziali, già prevista in passato dalla Legge n. 488/99 di cui vengono ricalcate le linee principali.  La regolarizzazione consente di sanare le difformità tra le consistenze fisiche/valori effettivi e le risultanze di magazzino ai fini del bilancio. In particolare possono essere oggetto di "adeguamento" le esistenze iniziali di prodotti finiti, merci, materie prime e sussidiarie, semilavorati (ex art. 92, TUIR) relative al periodo d'imposta in corso al 30.9.2023 (in generale, le esistenze iniziali all'1.1.2023). Sono interessati alla disposizione in esame gli esercent...
    chevron_rightLeggi di più
  • 2024: un mese di congedo parentale all'80%. Le istruzioni INPS

    La Circolare INPS n. 57 del 18 aprile 2024 fornisce le istruzioni amministrative e operative in materia di indennità di congedo parentale, a seguito dell'elevazione della stessa dal 30% al 60% della retribuzione, per un mese di congedo e fino al sesto anno di vita del bambino, disposta dall'articolo 1, comma 179, della Legge di Bilancio 2024. Per il solo anno 2024 la misura dell'indennità riconosciuta per il mese ulteriore al primo è pari all'80% della retribuzione, invece che al 60%. Per la denuncia contributiva tramite flusso UniEmens l'Istituto precisa che devono essere utilizzati i nuovi codici evento, legati al codice conguaglio “L330”, a partire dal mese di competenza gennaio 2...
    chevron_rightLeggi di più
  • OIC: lavori in corso

    OIC, l'Organismo Italiano di Contabilità, è sempre al lavoro per revisionare i principi contabili.  Si è conclusa la fase di consultazione avviata nel mese di settembre 2023, e gli emendamenti riguardano: ·         gli OIC n. 16 e n. 31, in merito alla corretta disciplina contabile relativa ai fondi di smantellamento e ripristino;·         l'OIC n. 25, in merito alla non operabilità della fiscalità differita a seguito delle disposizioni derivanti dal Secondo Pilastro dell'OCSE;·         gli OIC n.12, n.15 e n.19 in merito alla corretta contabilizzazione degli sconti e degli incassi anticipati;·         il Documento Interpretativo n. 11 - "Aspetti ...
    chevron_rightLeggi di più
  • Lavoratori in paesi extraUE e la determinazione delle retribuzioni convenzionali

    Determinate per il 2024 le retribuzioni convenzionali per i lavoratori all’estero in Paesi che non hanno accordi in materia di sicurezza sociale.  Con Circolare n. 49 del 25 marzo 2024, l'INPS ha delineato l'ambito di applicazione del Decreto ministeriale 6 marzo 2024, che determina le retribuzioni convenzionali per il 2024 per i lavoratori italiani operanti all'estero. In particolare l'Istituto individua quali sono i soggetti interessati, i casi particolari di applicazione, e le regolarizzazioni contributive per i datori di lavoro che per gennaio, febbraio e marzo 2024 hanno operato in difformità rispetto alle istruzioni. Retribuzioni convenzionali per l’anno 2024 Le retribuzion...
    chevron_rightLeggi di più
  • Gli ETS: come conoscere le richieste del pubblico per ottenere contributi e finanziamenti 

    Il rapporto tra mondo degli imprenditori e P.A. storicamente è sempre stato influenzato da elementi di sospetto e di diffidenza, alimentati da molteplici fattori: da un lato il diritto privato con i suoi punti fermi: la tutela della proprietà e del profitto dall’altro il diritto pubblico volto a tutelare l’interesse della collettività e a orientato quindi a far prevalere l’interesse pubblico su quello privato. Ma nel mondo di oggi i due mondi devono collaborare e convivere: lo Stato deve garantire a tutti di poter svolgere le azioni private, dettando le regole di comportamento. Il mondo privato deve agire all’interno di queste regole per poter finalmente affermare che le az...
    chevron_rightLeggi di più
  • Le novità IVA per gli enti non commerciali

    Gli enti non commerciali di recente sono stati coinvolti in un importante processo che ha modificato in maniera sostanziale gli aspetti giuridici e fiscali sia degli ETS che delle altre organizzazioni non commerciali senza scopo di lucro. Oltre alle nuove norme del Codice Terzo Settore, ancora in attesa dell’autorizzazione della Commissione Europa, è stato necessario recepire quanto disposto dalla Direttiva 112/2006/CE anche a seguito della procedura d’infrazione 2008/2010. Se ne occupa Massimo Papa, Dottore commercialista in Bari, esperto nel terzo settore ed autore per l’editoria SEAC, all’interno di un approfondimento di Mondo Terzo Settore, il servizio settimanale di Informa...
    chevron_rightLeggi di più
  • Diritti dei lavoratori: permessi e congedi

    Ai lavoratori dipendenti del settore privato è riconosciuto il diritto di assentarsi dal lavoro, per periodi di tempo più o meno lunghi, in alcuni casi specificatamente individuati dal Legislatore: si tratta dei casi di assenze per motivi familiari, come il decesso di un congiunto o la grave infermità, handicap grave, congedo matrimoniale, patologie oncologiche, invalidità, gravi motivi familiari, congedo per le donne vittime di violenza di genere, tossicodipendenza; è inoltre riconosciuto il diritto ad assentarsi dal lavoro anche per lo svolgimento di attività sociali: ad esempio per le funzioni presso i seggi elettorali, incarichi sindacali, donazione sangue e midollo osseo, ...
    chevron_rightLeggi di più
  • Entro l’11 dicembre il primo invio dei titolari effettivi

    Nell'ambito della disciplina antiriciclaggio è previsto che le imprese dotate di personalità giuridica, le persone giuridiche private tenute all'iscrizione nello specifico Registro, nonché i trust e gli istituti giuridici affini, comunichino al Registro Imprese i dati o le informazioni relativi ai titolari effettivi, al fine dell'iscrizione, rispettivamente, nella Sezione Autonoma  o in quella Speciale. Le disposizioni attuative in merito alla comunicazione delle predette informazioni ed al relativo accesso sono state definite dal MEF nel corso del 2022. La comunicazione in esame va inviata al competente Registro Imprese tramite ComUnica, utilizzando l'applicativo DIRE. Recentemente...
    chevron_rightLeggi di più
  • È tempo di pensare al whistleblowing

    Si stanno avvicinando le scadenze per mettere in piedi un sistema a norma di whistleblowing: le disposizioni legate al Decreto n. 24/2023 sono vincolanti già dal 15 luglio per le imprese con 250 o più dipendenti, e dal 17 dicembre verranno estese anche alle imprese con 50 o più dipendenti. Realtà pubbliche e private devono essere quindi preparate e mettere in campo gli strumenti per essere compliant alle regole. Molte aziende private devono attrezzarsi per permettere ai dipendenti di segnalare in modo tutelato una possibile frode, un reato, un illecito o qualunque condotta irregolare commessa da altri soggetti dell’organizzazione di appartenenza. Il nuovo volume SEAC Ma quali sono...
    chevron_rightLeggi di più