I danni da amianto sono corrisposti per intero dal singolo datore anche in caso di corresponsabilità

  seacinfo

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 6936 dell'11 marzo 2019, ha sancito l'obbligo di corrispondere totalmente i danni sofferti dal dipendente a causa dell'amianto, anche se l'esposizione sia stata causata da più rapporti di lavoro succedutisi nel tempo. L'ultima azienda è tenuta a versare il 100% del risarcimento, salva poi l'azione di regresso nei confronti degli altri datori di lavoro. Il lavoratore ammalatosi a causa dell'amianto potrà chiedere il totale ristoro all'ultima azienda presso cui ha prestato servizio, anche se questa è responsabile per una sola quota dell'evento lesivo.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più