Le Procedure Di Informazione E Consultazione Sindacale
Nuovo
Scheda tecnica

Le procedure di informazione e consultazione sindacale

Nel nostro ordinamento al sindacato è riconosciuta la titolarità di posizioni giuridiche soggettive di diritti, di natura legale o contrattuale, strumentali alla protezione degli interessi collettivi dei lavoratori.

Tra essi, particolare rilievo assume il diritto di informazione e di consultazione sindacale, la cui funzione è quella di disciplinare la partecipazione del sindacato alle scelte datoriali, così da porre il sindacato nella condizione di conoscere tempestivamente quelle scelte e le sue ricadute sugli assetti organizzativi, produttivi e occupazionali e, per tal via, poter porre in essere le azioni a tutela degli interessi dei lavoratori.

Oltre alle previsioni contenute nei contratti collettivi nazionali di lavoro con le quali le parti, nel regolamentare le relazioni sindacali, individuano specifici obblighi di informazione e consultazione a carico del datore di lavoro, anche la legge detta specifiche disposizioni in materia disciplinando quegli obblighi sia su un piano generale (D.Lgs. 6 febbraio 2007, n. 25) e sia in relazione a specifiche scelte datoriali sulla organizzazione della propria azienda.

Sotto quest’ultimo profilo, numerose disposizioni di legge attribuiscono al sindacato il ruolo di interlocutore necessario del datore di lavoro con riferimento a particolari scelte imprenditoriali; si pensi, ad esempio, all’art. 47 della legge 29 dicembre 1990, n. 428 in tema di trasferimento d’azienda, alla legge 23 luglio 1991, n. 223 in caso di licenziamento collettivo o al D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 148 in materia di Cassa Integrazione Guadagni.

Senonché, dopo un periodo di stasi, le crisi degli ultimi anni stanno spingendo il sistema delle relazioni industriali verso una nuova stagione: sia le parti sociali sia il legislatore stanno rivalutando il modello partecipativo. Prova ne sono le nuove procedure di informazione e consultazione introdotte dalle recentissime disposizioni di legge in materia di Delocalizzazione e di Crisi D’Impresa.

Con la conversione in legge n. 147 del 21 ottobre 2021 (G.U. n. 162 del 23 ottobre 2021) prende ufficialmente avvio il D.L. n. 118 del 24 agosto 2021, con cui si introduce, nel nostro ordinamento giuridico, l'istituto della “composizione negoziata per la risoluzione della crisi d’impresa”.

Delocalizzazione: introdotta dalla recentissima legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Legge di Bilancio del 2022).

today Date e orari

Data di registrazione: 26 maggio 2022

Il corso nella modalità in differita sarà visibile dopo 4-5 giorni lavorativi dalla data dell’evento in diretta (26 maggio 2022).

Durata: 2 ore

my_location Destinatari

L’attività formativa è rivolta a tutte quelle figure professionali che si trovano ad operare nel complesso ambito del diritto del lavoro e delle relazioni industriali, quali consulenti del lavoro, giuristi d’impresa, avvocati del lavoro, dottori commercialisti, dirigenti aziendali, rappresentati sindacali.

assignment_turned_in Obiettivi e Metodologia

In questo panorama normativo così ampio e variegato diventa essenziale saper individuare i limiti e gli obblighi imposti dall’ordinamento per tutte le diverse ipotesi di informazione e consultazione sindacale previste dalla legge.
Obiettivo primario del corso è quello di fornire gli strumenti conoscitivi e applicativi per operare nel complesso panorama normativo e giurisprudenziale vigente.

list Programma

Verranno analizzate le diverse procedure di informazione e consultazione sindacale previste dall’ordinamento.
In particolare, ampio risalto verrà dato alle procedure da esperire in caso di:

  • Trasferimento d’azienda: legge 29 dicembre 1990, n. 428;
  • Licenziamento collettivo: legge 23 luglio 1991, n. 223;
  • Cassa Integrazione Guadagni: D.Lgs. 14 settembre 2015, n. 148;
  • Composizione negoziata: D.L. 24 agosto 2021, n. 118
  • Delocalizzazione: introdotta dalla recentissima legge 30 dicembre 2021, n. 234 (Legge di Bilancio del 2022).

school Docenti

Avv. Mauro Petrassi

Giuslavorista con approfondita esperienza in tutte le problematiche inerenti il diritto del lavoro, diritto sindacale e diritto della previdenza sociale, Socio dello studio legale Proia & Partners fin dalla fondazione, abilitato di fronte al patrocinio delle Magistrature Superiori e membro del Comitato Tecnico Scientifico del Gruppo SEAC.

Dott.ssa Paola Sanna

Consulente del Lavoro in Trento ed Asseveratore (Asse.co.) E' autrice di testi ed articoli in materia di amministrazione del personale. Esperta in normativa del lavoro e docente in incontri formativi in tema di gestione del rapporto di lavoro subordinato, diritto del lavoro, aspetti fiscali e previdenziali.

Materiale didattico

Nella quota di partecipazione è compreso il materiale didattico propedeutico alla trattazione in formato pdf.

Seac Cefor Srl nasce nel 2002 come Ente di Formazione del Gruppo Seac Spa, propone formazione in ambito fiscale, contabile, finanziario, legale, contrattualistico e di gestione delle risorse umane.

Seac Cefor opera inoltre in materia di corsi obbligatori e di sicurezza aziendale garantendo un servizio di aggiornamento professionale, puntuale e di qualità.

ENTE CERTIFICATO ISO 9001:2015

ENTE ACCREDITATO "FONDO SOCIALE EUROPEO"

ENTE ACCREDITATO PER LA FORMAZIONE PROFESSIONALE

school Corso
55.00 €
+ IVA a partecipante
Modalità Fruizione
Sede
Qta