Il Mod. Redditi PF 2018 si arricchisce del Quadro LC

Il Mod. Redditi PF 2018 si arricchisce del Quadro LC

Il Decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, art. 3, ha introdotto un regime di tassazione sostitutiva dell’IRPEF e delle relative addizionali per le abitazioni concesse in locazione ad uso abitativo, definito cedolare secca sugli affitti; tale regime sostituisce anche le imposte di registro e di bollo relative al contratto di locazione.

L’opzione per la cedolare secca da parte del locatore comporta l’applicazione di un’imposta sostitutiva del 21% (10% per contratti a canone concordato).

In fase di dichiarazione dei redditi (Mod. REDDITI PF 2018), i dati necessari per determinare la cedolare secca (sia a saldo, che in acconto) da quest’anno devono essere indicati nel nuovo quadro LC, composto da due righi:

  • il rigo LC1 “Determinazione della cedolare secca”;
  • il rigo LC2 “Acconto cedolare secca 2018”.

Nel nuovo quadro LC vanno indicati i dati provenienti:

  • dal quadro RB, in caso di locazioni (brevi e non brevi) sottoposte a cedolare secca;
  • dal quadro RL, in caso di sublocazioni brevi e locazioni brevi effettuate dal comodatario sottoposte a cedolare secca;
  • dal Mod. CU 2018, in caso di ritenute applicate dall'intermediario immobiliare intervenuto in un contratto di locazione/sublocazione breve.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più