Versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche: istituti i codici tributo

  seacinfo

Con Risoluzione 10 aprile 2019, n. 42, l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per il versamento, tramite 'F24' e F24 Enti pubblici', dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche.In particolare, i codici tributi sono i seguenti:'2521', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – primo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014';'2522', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – secondo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014';'2523', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – terzo trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014';'2524', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – quarto trimestre – art. 6 decreto 17 giugno 2014';'2525', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – art. 6 decreto 17 giugno 2014 – SANZIONI';'2526', denominato 'Imposta di bollo sulle fatture elettroniche – art. 6 decreto 17 giugno 2014 – INTERESSI'.L'Agenzia precisa che i seguenti codici tributo:'2501', denominato 'Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014'; '2502', denominato 'Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014 - SANZIONI';'2503', denominato 'Imposta di bollo su libri, registri ed altri documenti rilevanti ai fini tributari – art. 6 decreto 17 giugno 2014 - INTERESSI';sono utilizzati per il versamento dell'imposta di bollo, in scadenza il 30 aprile 2019, relativa ai documenti informatici diversi dalle fatture elettroniche, nonché alle fatture elettroniche emesse fino al 31 dicembre 2018.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più