Va risarcito il danno da infortunio in mancanza di adeguate misure di sicurezza

  seacinfo

Il datore di lavoro è tenuto a risarcire il lavoratore per il danno da infortunio sul lavoro se non impedisce a quest'ultimo di utilizzare strumenti che, anche se comodi nell'esperire la mansione, sono pericolosi.Questo è quanto statuito dalla Corte di Cassazione nella Sentenza n. 14082 del 7 luglio 2020, con la quale ha condannato l'azienda che non aveva introdotto misure di sicurezza adeguate a prevenire il sinistro, ovverosia, quelle tassativamente previste dalla legge, quelle generiche (dettate dalla comune esperienza) e quelle ulteriori che si rendano necessarie nel caso concreto.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più