Trasmissione telematica dei corrispettivi mediante registratore telematico per ogni punto vendita

  seacinfo

Con Risposta 22 gennaio 2019 n. 9, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla trasmissione telematica dei corrispettivi.In particolare il quesito è stato rivolto da una società, titolare di diversi punti vendita privi di registratori di cassa 'fiscalizzati' in quanto utilizzano pc collegati ad un server; la società ha chiesto chiarimenti sul comportamento da tenere, alla luce delle modifiche apportate al D. Lgs. n. 127/2015. L'Agenzia delle Entrate, nel fornire la risposta ha precisato che la trasmissione telematica dei dati è effettuata esclusivamente mediante l'uso del 'registratore telematico'; in presenza di oltre tre punti cassa per singolo punto vendita, la memorizzazione e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornalieri possono essere effettuate mediante un unico 'punto di raccolta', costituito da un registratore telematico collegato ai singoli punti cassa, definito 'server di consolidamento-registratore telematico' (Server-RT), che rappresenta sempre il primo punto in cui vengono raccolti i corrispettivi e costituisce lo strumento che sigilla i file e li invia al sistema AE. Pertanto ciascun punto vendita deve disporre di un proprio Server-RT, ed è esclusa la possibilità di un unico server RT centralizzato per azienda.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più