Tracciabilità dei pagamenti effettuati tramite smartphone: Interpello

  seacinfo

Con Risposta ad Interpello 29 luglio 2020, n. 230, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla tracciabilità dei pagamenti degli oneri, per cui è riconosciuta la detrazione del 19%, effettuati tramite applicazioni di pagamento via smartphone, collegate ad un conto corrente e che sono gestite da istituti di moneta elettronica autorizzati.L'Agenzia delle Entrate ha ritenuto che tale metodo di pagamento possa soddisfare i requisiti di tracciabilità stabiliti dal comma 679, art. 1, Legge n. 160/2019, a condizione che dalle rilevazioni contabili del conto corrente della banca, a cui l'Istituto di moneta elettronica è collegato, o dalle transazioni della app stessa sia possibile garantire la tracciabilità e l'identificazione dell'autore del pagamento al fine dei controlli.È stato inoltre chiarito che il contribuente che utilizza tale mezzo di pagamento dovrà esibire all'Agenzia in caso di controllo o ai CAF/professionisti abilitati in sede di apposizione del visto di conformità:il documento fiscale che attesti l'onere sostenuto;l'estratto del conto corrente della banca a cui l'istituto si è collegato, attestante tutte le informazioni circa il beneficiario del pagamento. Se dall'estratto conto bancario non si evincono dette informazioni, va presentata anche la copia delle ricevute dei pagamenti presenti nell'app.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più