Tempo determinato illegittimo: la conversione a tempo indeterminato fin dall'origine del rapporto

  seacinfo

Accogliendo il ricorso di un lavoratore, la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 8385 del 26 marzo 2019 ha sancito che, qualora l'apposizione del termine al contratto di lavoro sia illegittima, la conversione del rapporto in un contratto a tempo indeterminato opera ex tunc, quindi dall'origine del rapporto a tempo determinato stesso.I giudici della Corte Suprema hanno così cassato la sentenza della Corte d'Appello che aveva invece ritenuto la conversione operante dal momento della pronuncia che accerta la nullità del termine (ex nunc), stabilendo altresì che il lavoratore ha diritto al risarcimento delle retribuzioni perse dal momento della cessazione del rapporto e fino alla ricostituzione dello stesso, anche se questo non dovesse poi concretizzarsi in quanto le parti scelgano strade diverse.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più