Superbonus 110%: Legge di Bilancio 2021 e Circolare Agenzia delle Entrate

Superbonus 110%: Legge di Bilancio 2021 e Circolare Agenzia delle Entrate

Con un emendamento alla Legge di Bilancio 2021, approvato dalla Commissione Bilancio della Camera, sono disposte alcune novità in ambito di Superbonus 110% (art. 119, Decreto Rilancio).

In particolare è previsto che:

  • il Superbonus viene prorogato per gli interventi di efficienza energetica e antisismici, fino al 30 giugno 2022, con rateizzazione della detrazione spettante sulla spesa sostenuta nel 2022 in 4 quote annuali di pari importo;
  • per gli interventi effettuati dai condomìni, eseguiti per almeno il 60% alla data del 30 giugno 2022, la detrazione spetta anche per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2022;
  • un’unità immobiliare può ritenersi “funzionalmente indipendente” se dotata di almeno tre delle seguenti installazioni o manufatti di proprietà esclusiva: impianti per l’approvvigionamento idrico, impianti per il gas, impianti per l’energia elettrica, impianto di climatizzazione invernale;
  • il Superbonus è ammesso per interventi su edifici composti da due a quattro unità immobiliari distintamente accatastate, anche se posseduti da un unico proprietario o in comproprietà da più persone fisiche;
  • le deliberazioni dell’assemblea di condominio, che hanno ad oggetto l’imputazione della spesa relativa all’intervento, sono valide se approvate con un numero di voti che rappresenta la maggioranza degli intervenuti in assemblea e almeno 1/3 del valore dell’edificio, se i condomini ai quali sono imputate le spese si esprimono in modo favorevole.

Inoltre, con Circolare 22 dicembre 2020, n. 30, anche l’Agenzia delle Entrate ha fornito nuovi chiarimenti in merito al Superbonus, fornendo:

  • una sintetica illustrazione delle principali novità introdotte dal D.L. n. 104/2020, cd. Decreto Agosto, con cui sono stati introdotti i commi 1-bis, 1-ter, 4-ter, 9- bis e 13-ter dell’art. 119, D.L. n. 34/2020;
  • ulteriori precisazioni in relazione ai soggetti beneficiari, alle tipologie di immobili ammessi, agli interventi e ai limiti di spesa previsti, all’esercizio dell’opzione per la cessione del credito/sconto in fattura.

Tali chiarimenti sono in risposta a quesiti posti in occasione di eventi organizzati dalla stampa specializzata, nonché a quesiti pervenuti da parte dei CAF, delle associazioni di categoria e degli Ordini professionali, e in occasione dell’Audizione dinanzi alla Commissione Parlamentare di vigilanza sull’Anagrafe Tributaria.

La Circolare fornisce inoltre un elenco dei documenti e delle dichiarazioni sostitutive che i professionisti abilitati sono tenuti a verificare ed acquisire per l’apposizione del visto di conformità al fine della cessione del credito/sconto in fattura.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più