Società di persone in contabilità semplificata e disciplina società di comodo

Società di persone in contabilità semplificata e disciplina società di comodo

La disciplina delle società non operative (c.d. “di comodo”) di cui all’articolo 30, Legge n. 724/1994 è stata modificata più volte nel corso degli anni.

L’articolo 18, D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175 ha ampliato, dagli originari tre a cinque periodi di imposta, il periodo di osservazione previsto per essere considerati soggetti in perdita sistematica ex articolo 2, commi da 36-decies a 36-duodecies, D.L. n. 138/2011.

Il presupposto per l’applicazione della disciplina in esame è quindi ora costituito:

  • da cinque periodi di imposta consecutivi in perdita fiscale;
  • da quattro periodi di imposta in perdita fiscale ed uno con reddito imponibile inferiore al reddito minimo ex articolo 30, Legge n. 724/1994.

A fini dell’individuazione dei presupposti della disciplina sulle società di comodo, qualora il primo periodo di imposta di applicazione del “nuovo regime di cassa” per le imprese minori, costituisce un periodo compreso nel c.d. “periodo di osservazione”, il relativo risultato fiscale deve essere considerato senza tenere conto del componente negativo derivante dalla deduzione integrale del valore delle rimanenze finali del periodo precedente (Circolare n. 11/2017, par. 4.2)

Ulteriormente, in relazione al periodo di imposta 2017, nella determinazione del reddito minimo di una SNC o SAS in semplificata di comodo (sia ex art. 30, Legge n. 724/1994 che in perdita sistematica), va sottratto il valore delle rimanenze finali dell’anno precedente (rimanenze iniziali 2017).

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più