Rischio d'impresa quale discriminante tra lavoro autonomo e subordinato

  seacinfo

La Corte di Cassazione ha chiarito che tra associazione in partecipazione e retribuzione legata agli utili la discriminante è rappresentata dal rischio d'impresa.Con l'Ordinanza n. 31007 del 27 novembre 2019, la Suprema Corte ha sottolineato che nel primo caso si ha un rapporto di lavoro autonomo, con un ruolo effettivo nella gestione aziendale, mentre nel secondo si ha l'inserimento del dipendente all'interno di un'organizzazione decisa da altri e pertanto un rapporto di lavoro subordinato, non rilevando, ai fini della distinzione della natura del rapporto, il metodo contrattuale di calcolo degli emolumenti.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più