Rimborso contributi indebitamente versati: domanda alla Cassa forense prima di quella giudiziaria

  seacinfo

In caso di avvocato che richieda la restituzione di contributi indebitamente versati alla Cassa forense, sia che si tratti di annualità che di intera posizione previdenziale, è necessario che la domanda amministrativa preceda quella giudiziale, pena l'improponibilità di quest'ultima.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 30670 del 25 novembre 2019, affermando che la previa domanda amministrativa è richiesta tutte le volte che sia fatto valere verso l'ente previdenziale un diritto previamente non riconosciuto o esercitato, in modo da consentire a quest'ultimo di valutare la pretesa al fine di evitare contenziosi inutili.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più