Reintegrato il lavoratore che non accetta il taglio dello stipendio malgrado la crisi dell'azienda

  seacinfo

È nullo perché ritorsivo il licenziamento del lavoratore che, nonostante la crisi dell'azienda, rifiuta di firmare il rinnovo dell'accordo che prevede la riduzione dello stipendio. Scatta la reintegra. È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 31527 del 3 dicembre 2019, secondo la quale la vendetta del datore di lavoro è provata tramite presunzioni, in quanto il provvedimento espulsivo è adottato il giorno dopo al rifiuto.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più