Redditi di capitale da trust esteri: D.L. Fiscale 2020

  seacinfo

L'art. 13, D.L. n. 124/2019 prevede la modifica degli articoli 44 e 45, TUIR, con riguardo all'imposizione dei redditi di capitale distribuiti da trust esteri a beneficiari non individuati.Con lo scopo di assoggettare a tassazione anche i redditi distribuiti da trust opachi esteri stabiliti in Stati a fiscalità privilegiata, in cui i beneficiari non possono considerarsi individuati ai sensi dell'art. 73, comma 2, TUIR, è previsto che:sono considerati redditi di capitale, e quindi da imporre a tassazione, anche i redditi corrisposti a residenti italiani da trust, stabiliti in Stati e territori a fiscalità privilegiata, anche qualora i beneficiari non possano essere considerati beneficiari individuati, cioè non sia possibile imputare loro i redditi conseguiti in proporzione alla quota di partecipazione individuata nell'atto di costituzione del trust oppure in parti uguali (modifica art. 44, comma 1, lett. g-sexies, TUIR);costituisce reddito l'intero ammontare percepito da residenti in Italia da parte di trust esteri, anche qualora non sia possibile distinguere tra redditi e patrimonio (modifica art. 45, TUIR, con l'inserimento del nuovo comma 4-quater).

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più