Nuovi Chiarimenti In Tema Di Recupero Edilizio E Risparmio Energetico

Nuovi chiarimenti in tema di recupero edilizio e risparmio energetico

Nuovi chiarimenti in tema di recupero edilizio e risparmio energetico

L’Agenzia delle Entrate, all'interno della Sezione della Circolare n. 7/2018 dedicata alla detrazione per spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio, chiarisce numerosi aspetti legati a tale agevolazione; tra le precisazioni più significative, si segnala che:

  • la detrazione per interventi di recupero del patrimonio edilizio spetta anche al familiare convivente del possessore/detentore dell’immobile oggetto di lavori; non è necessario che la convivenza sussista per l’intero periodo di fruizione della detrazione;
  • al fine di individuare il limite di spesa in caso di acquisto di box auto è necessario tener conto del numero di unità abitative servite dalla pertinenza, anche nell'ipotesi in cui tale pertinenza sia destinata al servizio di più unità immobiliari appartenenti ad uno stesso proprietario;
  • l’installazione del sistema di accumulo su un impianto fotovoltaico dà diritto alla detrazione sia nel caso in cui tale installazione sia contestuale, sia nel caso in cui sia successiva a quella dell’impianto.

Per quanto riguarda la detrazione per interventi di risparmio energetico, l’Agenzia delle Entrate chiarisce, tra l’altro, che per le spese effettuate dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021 per interventi di riqualificazione energetica su parti comuni di edifici è prevista una detrazione più elevata (70-75%), calcolata su un ammontare complessivo delle spese non superiore ad € 40.000, moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio.

Il limite di spesa va calcolato tenendo conto anche delle eventuali pertinenze alle unità immobiliari.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più