No risarcimento da dipendente se la domestica aggredita agisce solo per omessa custodia del cane

  seacinfo

La Corte di Cassazione ha affermato che la domestica aggredita che ha agito solo per l'omessa custodia del cane della famiglia presso cui lavora, perde il risarcimento a titolo di dipendente.Con l'Ordinanza n. 30519 del 22 novembre 2019, la Suprema Corte, nel respingere il ricorso della lavoratrice, ha precisato che la sola domanda di indennizzo per responsabilità del proprietario dell'animale non ricomprende anche quella relativa alla responsabilità del datore.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più