No obbligo di modifica dell'organizzazione aziendale per non licenziare il dipendente inidoneo

  seacinfo

La Corte di Cassazione ha statuito che è legittimo il licenziamento del lavoratore per sopravvenuta inidoneità alle mansioni che gli erano state assegnate e impossibilità di ricollocamento ad altre mansioni. Con la Sentenza n. 27502 del 28 ottobre 2019, la Suprema Corte ha sottolineato che il datore non è obbligato a modificare l'organizzazione aziendale per evitare il licenziamento del dipendente divenuto inidoneo.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più