No licenziamento dopo la mobilità se le mansioni sono fungibili con quelle di altre sedi

  seacinfo

La Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento al termine del periodo di mobilità nel caso in cui le mansioni svolte dal dipendente siano fungibili con quelle di altri dipendenti presso altre sedi sul territorio.Con la Sentenza n. 981 del 17 gennaio 2020, la Suprema Corte ha ribadito che l'individuazione dei lavoratori da inviare in mobilità può riguardare anche una singola unità produttiva, ma a condizione che la scelta sia motivata da ragioni tecnico-produttive ed organizzative, che non sussistono se i lavoratori interessati sono idonei a svolgere le attività lavorative di colleghi addetti ad altre sedi.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più