No giusta causa di dimissioni se il datore in crisi ritarda nei pagamenti della retribuzione

  seacinfo

La Corte di Cassazione ha affermato chenon è configurabile la giusta causa di dimissioni se il datore ritarda nel pagamento deglistipendi perché l'azienda è in crisi, mentre i dipendenti sono tutelati dalla cassa integrazione.Con la Sentenza n. 6437 del 18 marzo 2020, la Suprema Corte ha precisato che il contratto collettivo, che preveda il diritto del dipendente a percepire l'indennità di preavviso a seguito del suo recesso per ritardati pagamenti della retribuzione, deve essere interpretato secondo buona fede. Pertanto, non è sanzionabile il datore che sia inadempiente per un lasso di tempo breve.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più