Niente rimborso dei contributi integrativi e di maternità per l'avvocato cancellato dalla Cassa

  seacinfo

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 14883 del 13 luglio 2020, ha affermato che la quota di contributi integrativi e di maternità versati dall'avvocato alla Cassa forense, prima della cancellazione da quest'ultima, non sia restituibile per legge.Gli ermellini hanno aggiunto altresì che l'obbligo del suddetto versamento è strettamente inerente alla prestazione professionale e, inoltre, che tali contributi hanno uno scopo solidaristico costituzionalmente garantito e pertanto in caso di restituzione si incorrerebbe in una violazione dei principi costituzionali.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più