Niente IVA sulle somme aventi natura risarcitora: Interpello

  seacinfo

Con Risposta 13 marzo 2019, n. 74, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento ai fini IVA di somme corrisposte a titolo risarcitorio.In particolare, l'Agenzia ha precisato che, ai sensi dell'art. 15, comma 1, n. 1), D.P.R. n. 633/1972, non concorrono a formare la base imponibile IVA 'le somme dovute a titolo di interessi moratori o di penalità per ritardi o altre irregolarità nell'adempimento degli obblighi del cessionario o del committente'. Di conseguenza, la società istante che, in esito all'attività di recupero crediti, ha ricevuto dal debitore un importo che comprende oltre al credito originario, gli interessi moratori e le spese per il recupero del credito ha correttamente escluso tali somme dal computo della base imponibile IVA. In tal caso gli importi eccedenti il credito originario hanno natura 'risarcitoria' e pertanto sono esenti dall'applicazione dell'imposta sul valore aggiunto.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più