Niente detrazione per le spese scolastiche delle scuole di infanzia, primaria e secondaria sostenute all'estero

  seacinfo

Con Risposta 28 dicembre 2018, n. 158, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla detrazione delle spese per la frequenza delle scuole dell'infanzia, del primo ciclo di istruzione e secondarie di secondo grado sostenute all'estero.In particolare l'Agenzia ha precisato che tale detrazione, disciplinata dall'art. 15, comma 1, lettera e-bis) TUIR, è espressamente limitata alle spese sostenute presso scuole appartenenti al 'sistema nazionale di istruzione'.Pertanto, l'Agenzia ha sottolineato che le spese di istruzione sostenute all'estero sono agevolabili soltanto laddove relative alla frequenza di corsi di istruzione universitaria. Tali oneri, infatti, sono disciplinati da una diversa normativa (art. 15 comma 1 lettera e), TUIR) che fa riferimento alle 'università statali e non statali'.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più