Modifiche alle modalità di versamento dell'imposta di bollo su fatture elettroniche: Decreto in G.U.

  seacinfo

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale 7 gennaio 2019, n. 5, il Decreto MEF 28 dicembre 2018 che ha sostituito il comma 2, art. 6, Decreto MEF 17 giugno 2014, concernente le modalità di versamento dell'imposta di bollo sulle fatture elettroniche.In particolare, il nuovo comma 2, art. 6, Decreto MEF 17 giugno 2014 prevede che:Il pagamento dell'imposta relativa agli atti, ai documenti ed ai registri emessi o utilizzati durante l'anno avviene in un'unica soluzione entro centoventi giorni dalla chiusura dell'esercizio;il pagamento dell'imposta di bollo relativa alle fatture elettroniche emesse in ciascun trimestre solare, deve essere eseguito entro il giorno 20 del primo mese successivo;l'Agenzia rende noto l'ammontare dell'imposta dovuta sulla base dei dati presenti nelle fatture elettroniche inviate attraverso lo SdI, riportando l'informazione all'interno della propria area riservata sul sito dell'Agenzia delle entrate;il pagamento può essere effettuato mediante il servizio presente nella predetta area riservata, con addebito su conto corrente bancario o postale, oppure utilizzando il modello F24 predisposto dall'Agenzia delle entrate. Il decreto, infine, precisa che le nuove disposizioni si applicano alle fatture elettroniche emesse dal 1° gennaio 2019.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più