Legittimo il licenziamento del dipendente che fa uscire carte riservate all'azienda

  seacinfo

È legittimo il licenziamento per giusta causa della funzionaria dipendente di una banca che fa uscire documenti riservati alla banca stessa, e ciò anche se il datore di lavoro viene a conoscenza del colpevole solo grazie alle intercettazioni telefoniche disposte nel procedimento penale avverso l'ex direttore generale, a cui la lavoratrice aveva consegnato tali carte.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 26023 del 15 ottobre 2019, secondo la quale per i dipendenti delle banche scatta automaticamente il recesso in caso di violazione della riservatezza, e ciò indipendentemente dal danno effettivo al datore. Pesano le involontarie ammissioni che la lavoratrice ha reso durante il procedimento penale.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più