La gestione contabile e fiscale dei resi merce nell’e-commerce

La gestione contabile e fiscale dei resi merce nell’e-commerce

Una casistica che ricorre molto spesso nel commercio elettronico indiretto è quella dei resi merce, principalmente dovuta anche in considerazione del fatto che in tale tipologia di commercio, nei rapporti verso privati consumatori è previsto il diritto di recesso (il diritto di recesso deve avvenire entro 14 giorni solari – o per un periodo superiore se previsto contrattualmente dal fornitore - da parte del consumatore; art. 52 del D.lgs. n. 206/2005 c.d. Codice del Consumo).

Infatti, normativamente non è obbligatorio, salvo diverso accordo tra le parti, prevedere il diritto di recesso per la fornitura di contenuti digitali rientranti nel commercio elettronico diretto (per esempio, e-Books, mp3, applicazioni o altri contenuti digitali) forniti mediante un supporto non materiale una volta iniziata l’esecuzione (art. 59 del Codice del Consumo).

In presenza di resi nel commercio elettronico indiretto, sotto il profilo operativo, la gestione deve essere gestita in modo diverso a seconda della modalità adottata per certificare la cessione originaria del bene. Si evidenzia che qualora la cessione originaria del bene sia stata documentata con Documento commerciale, per il reso merce, dovranno essere presi a riferimento i chiarimenti forniti dall’Agenzia delle Entrate con il Principio di diritto n. 21 del 1° agosto 2019.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più