La domanda di pensione non interrompe il periodo indennizzato per il licenziamento illegittimo

  seacinfo

La Corte di Cassazione, con l'Ordinanza n. 10721 del 17 aprile 2019, afferma che l'istanza di pensione non estingue il risarcimento del danno, poiché la sola maturazione del diritto al pensionamento e la domanda presentata non sono atti idonei ad interrompere il rapporto di lavoro per cui si chiede di essere risarciti.Questo è il principio che emerge dalla vicenda di un dipendente che, lamentando di lavorare in condizioni stressanti, veniva successivamente licenziato. Impugnata l'estinzione del rapporto chiedeva e otteneva i danni oltre all'indennità sostitutiva alla reintegra. Gli eredi si oppongono al calcolo del danno perché si ferma all'istanza di pensione e i giudici accolgono il ricorso.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più