Istituito codice tributo per ritenute d'acconto lavoratori autonomi sospese ex art. 19, D.L. n. 23/2020

  seacinfo

Con Risoluzione 7 settembre 2020, n. 50, l'Agenzia delle Entrate ha istituito il codice tributo per il versamento da parte dei lavoratori autonomi delle ritenute d'acconto non operate dai sostituti d'imposta sospese ex art. 19, comma 1, D.L. n. 23/2020.In base all'ultima proroga disposta dal Decreto Agosto, D.L. n. 104/2020, i citati versamenti sospesi possono essere effettuati, senza sanzioni e interessi:nella misura del 50% in un'unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 4 rate mensili di pari importo, con prima rata entro il 16 settembre 2020;nella misura dell'ulteriore 50% mediante rateizzazione, fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con prima rata entro il 16 gennaio 2021.I soggetti interessati possono versare le ritenute, attraverso il modello F24, con il codice tributo '4050', denominato 'Ritenute d'acconto non operate versate dai lavoratori autonomi – art. 19, comma 1, D.L. 8 aprile 2020, n. 23'.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più