Infortunio in itinere: rendita INAIL detratta dal risarcimento del danno

  seacinfo

Secondo la Corte di Cassazione, nell'ambito dell'infortunio in itinere che ha determinato la morte del lavoratore, deve essere respinta la domanda di risarcimento del lucro cessante da parte dei congiunti del de cuius. Nella Sentenza n. 14362 del 27 maggio 2019 viene precisato che la rendita vitalizia in favore del coniuge superstite, nonché quella temporanea liquidata ai figli del lavoratore deceduto, riveste una funzione di anticipo del ristoro del danno da perdita degli apporti economici assicurati dal loro familiare e, pertanto, non sussiste alcun diritto a reclamare le somme ulteriori.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più