In Arrivo Le Comunicazioni Sulle Anomalie Dichiarative Per Le Somme Detenute All'estero Per Il 2016

In arrivo le comunicazioni sulle anomalie dichiarative per le somme detenute all'estero per il 2016

In arrivo le comunicazioni sulle anomalie dichiarative per le somme detenute all'estero per il 2016

A seguito di quanto disposto dal Provvedimento 21 dicembre 2017, sono state inviate comunicazioni di anomalia ai contribuenti che, per l’anno 2016, hanno omesso di dichiarare le attività finanziarie detenute all'estero

Le anomalie sono emerse a seguito dell’analisi dei dati ricevuti da parte delle Amministrazioni fiscali estere nell’ambito dello scambio automatico di informazioni secondo il Common Reporting Stardard (CRS).

La collaborazione tra le tax authority dei diversi paesi coinvolti ha consentito infatti di implementare significativamente la banca dati di saldi e movimentazioni, con informazioni che comprendono nome dell’intestatario o beneficiario, numero ed identificativo del conto, identificativo dell’istituzione finanziaria, saldo, comprensivo di interessi, dividendi o altri redditi generati dall'investimento. 

A seguito di tale comunicazione il contribuente può regolarizzare spontaneamente la propria posizione, presentando una dichiarazione integrativa per l’anno 2016, con il quadro RW correttamente compilato, beneficiando così della riduzione delle sanzioni in considerazione del tempo trascorso dalla commissione delle violazioni stesse.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più