Imposta Dovuta Anche Se Il Contribuente Si Affida A Prassi Errata

Imposta dovuta anche se il contribuente si affida a prassi errata

Imposta dovuta anche se il contribuente si affida a prassi errata

Con Sentenza 19 maggio 2017, n. 12635, la Cassazione ha stabilito, come già in precedenza, che la "prassi" in materia tributaria non costituisce fonte di diritti e obblighi e che pertanto, nel caso in cui il contribuente si sia affidato ad un’interpretazione errata dell’Amministrazione finanziaria, sarà al riparo solamente dalle relative sanzioni e gli interessi, senza alcuna esenzione dall’imposta (art 10, comma 2, Legge n. 212/2000).

 

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più