Imposta di bollo sui documenti informatici: Risposte

  seacinfo

Con le Risposte n. 321 e 323, emanate in data 25 luglio 2019, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alle modalità di assolvimento dell'imposta di bollo in relazione a documenti redatti in formato elettronico.In particolare, l'Agenzia:con Risposta n. 321/2019 ha chiarito che per i contratti pubblici prodotti all'interno del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MEPA), e per gli allegati documenti redatti in formato elettronico e firmati digitalmente, l'imposta di bollo può essere assolta tramite il contrassegno telematico o secondo la modalità virtuale, ai sensi dell'art. 3, D.P.R. n. 642/1972;con Risposta n. 323/2019 ha chiarito che per le copie informatiche di documenti amministrativi informatici, prodotti in conformità alle disposizioni del Codice dell'Amministrazione Digitale, l'imposta di bollo si applica solo se i duplicati sono muniti di dichiarazione di conformità all'originale attestata da un pubblico ufficiale a ciò autorizzato.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più