Impossibilità a versare i contributi omessi: niente messa alla prova dell'imprenditore

  seacinfo

La Corte di Cassazione, respingendo il ricorso di una manager condannata per evasione contributiva, ha statuito che non va applicata la messa alla prova nei confronti dell'imprenditore, nonostante la sua dichiarazione circa l'impossibilità del versamento dei contributi omessi o del risarcimento del danno. Con la Sentenza della terza sezione penale n. 353 del 7 gennaio 2019 viene chiarito che è pienamente legittimo il rigetto della richiesta di sospensione del procedimento con messa alla prova, quando l'interessato si è limitato a dichiarare di non poter risarcire il danno senza fornire alcuna prova o riscontro di tale impossibilità.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più