Illegittimo il trasferimento collettivo dei lavoratori iscritti allo stesso sindacato

  seacinfo

È illegittimo il trasferimento collettivo di un gruppo di lavoratori impiegati presso uno stabilimento produttivo di un'importante azienda automobilistica, se la maggior parte di loro risulta iscritta alla medesima sigla sindacale.È quanto ha statuito la Corte di Cassazione con la Sentenza n. 1 del 2 gennaio 2020, secondo la quale grava sul datore di lavoro la prova che la sua decisione è fondata su criteri oggettivi e non è discriminatoria nei confronti di alcuno dei dipendenti per la loro affiliazione sindacale.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più