Il datore di lavoro è responsabile dell'infortunio se non forma il lavoratore

  seacinfo

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 27242 del 1° ottobre 2020, ha ritenuto responsabile della morte del lavoratore il datore di lavoro che non aveva fornito alla vittima un'adeguata formazione sull'attività lavorativa.La Suprema Corte, infatti, ha precisato che la rischiosa tecnica operativa adottata dal dipendente nello svolgere la mansione si era rivelata mortale nonostante la lunga esperienza del deceduto, proprio perché il datore di lavoro non aveva effettuato una corretta valutazione dei rischi né tantomeno aveva istruito e formato il dipendente sul punto.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più