Estensione del regime forfetario

Estensione del regime forfetario

Al regime forfetario riservato alle persone fisiche (imprese e lavoratori autonomi) di cui all’art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 sono state applicate alcune modifiche.

In particolare, a seguito della riscrittura del comma 54, è previsto un unico requisito di accesso al regime in esame costituito dal limite dei ricavi/compensi pari ad € 65.000 ragguagliati ad anno per tutti i contribuenti (non risultano variati i coefficienti di redditività), da verificare con riferimento all’anno precedente. 

In caso di esercizio contemporaneo di attività contraddistinte da differenti codici Ateco, si assume la somma dei ricavi/compensi relativi alle diverse attività.

Sono state riviste, in sede di approvazione, le cause di esclusione di cui alle lett. d) e d-bis) del comma 57, prevedendo in particolare che il regime in esame non può essere adottato dai soggetti che:

  • si avvalgono di regimi speciali IVA;
  • risultano non residenti;
  • effettuano in via esclusiva o prevalente cessioni di immobili ex art. 10, n. 8, D.P.R. n. 633/72 e di mezzi di trasporto nuovi ex art. 53, comma 1, D.L. n. 331/93;
  • partecipano a società di persone, associazioni anche in partecipazione, imprese familiari;
  • controllano direttamente o indirettamente SRL o associazioni in partecipazione, che esercitano attività economiche direttamente o indirettamente riconducibili a quelle svolte dagli esercenti attività d’impresa, arti o professioni.
  • esercitano l’attività prevalentemente nei confronti di datori di lavoro con i quali sono in corso rapporti di lavoro o erano intercorsi rapporti di lavoro nei due anni precedenti;
  • esercitano l’attività prevalentemente nei confronti di soggetti direttamente o indirettamente riconducibili a detti datori di lavoro.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più