Emergenza COVID-19 e sospensione versamenti contributivi ex art. 61 DL Cura Italia: chiarimenti INPS

  seacinfo

L'INPS, con il Messaggio n. 1837 del 2 maggio 2020, fornisce chiarimenti in merito alla sospensione, ex art. 61, c. 2, DL n. 18/2020, dei versamenti contributivi (ritenute, contributi previdenziali e assistenziali e premi per l'assicurazione obbligatoria). L'Istituto comunica l'attribuzione, in modo centralizzato, del codice autorizzativo '7L', con significato di 'Azienda interessata alla sospensione dei contributi a causa dell'emergenza epidemiologica da COVID-19. DL n. 9/2020, art. 8 e DL n. 18/2020, art. 61', per le posizioni contributive relative ai soggetti elencati nell'art. 61, c. 2, DL n. 18/2020 (ad esclusione degli organismi sportivi contraddistinti da un differente codice di autorizzazione), così come identificati dai codici ATECO di cui all'Allegato n. 1 della Circolare INPS n. 52/2020.Per quanto riguarda invece le aziende interessate dalla sospensione dei versamenti contributivi ma non identificate da un codice ATECO rientrante tra quelli di cui all'Allegato n. 1 della Circolare INPS n. 52/2020, l'Istituto ricorda che l'elenco dei codici ATECO dei soggetti a cui sono applicabili le sospensioni contributive, ex art. 61 c. 2, ha valore meramente indicativo, come sottolineato dall'Agenzia delle Entrate. Al riguardo, l'INPS comunica l'invio di una Nota al Ministero con richiesta di chiarimenti in merito ad ulteriori codici ATECO potenzialmente riferibili alle attività elencate nell'art. 61, c. 2 in questione.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più