Dirigente sindacale in permesso che non si reca alla riunione passibile di licenziamento

  seacinfo

Secondo la Corte di Cassazione è licenziabile il dirigente sindacale che utilizza il permesso retribuito per la partecipazione alla riunione degli organi direttivi (art. 30 dello Statuto dei lavoratori) per motivi meramente personali.La Suprema Corte, con la Sentenza n. 4943 del 20 febbraio 2019, precisa che la presenza del lavoratore nell'organismo è controllabile da parte del datore di lavoro e l'uso dei permessi per finalità diverse dalla partecipazione agli attivi lo legittima a non retribuire tali giornate. In caso di contestazione al lavoratore spetta la dimostrazione del suo diritto ad assentarsi dal servizio, altrimenti l'assenza va considerata ingiustificata.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più