Detrazione per recupero edilizio e cooperativa a proprietà indivisa: Risposta ad Interpello

  seacinfo

Con Risposta ad Interpello 14 luglio 2020, n. 215, l'Agenzia delle Entrate ha risposto a vari quesiti posti da una cooperativa a proprietà indivisa in merito alla corretta fruizione/attribuzione della detrazione per recupero edilizio e del bonus mobili. L'Agenzia, in particolare, ha chiarito tra l'altro che:in caso di trasferimento della quota sociale di una cooperativa edilizia, la detrazione rimane in capo all'ex socio (non può essere quindi ceduta al nuovo assegnatario dell'immobile);la persona fisica che non ha ancora acquisito lo status di socio della cooperativa, ma che ha già ottenuto il gradimento dell'organo amministrativo e risulta immesso nella detenzione dell'immobile, è qualificabile come detentore dell'immobile e può pertanto beneficiare della detrazione;per gli interventi su parti comuni, gli adempimenti possono essere posti in essere dalla cooperativa, secondo le regole previste per il condominio; diversamente, per gli interventi sulle singole unità immobiliari gli adempimenti devono essere curati dal socio;può fruire della detrazione per recupero edilizio anche il familiare convivente di un socio (detentore dell'immobile);il socio della cooperativa indivisa assegnatario dell'immobile oggetto degli interventi edilizi, può beneficiare del bonus mobili, in qualità di detentore dell'immobile.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più