Definizione agevolata del PVC e rivalsa dell'IVA: Interpello

  seacinfo

Con Risposta a Interpello n. 349, datata 28 agosto 2019, l'Agenzia delle Entrate ha chiarito che, in caso di adesione alla definizione agevolata di un PVC in cui veniva contestata, tra l'altro, l'omessa fatturazione di operazioni imponibili, è ammissibile la rivalsa della maggiore IVA versata in sede di definizione dal cedente/prestatore; a sua volta, il cessionario/committente potrà esercitare il diritto alla detrazione dell'IVA corrisposta a titolo di rivalsa. Secondo l'Amministrazione finanziaria, infatti, la rivalsa della maggiore IVA, contestata dagli organi accertatori e versata dal contribuente, è ammissibile anche in carenza di un atto impositivo propriamente detto, a condizione che il pagamento dell'imposta sia effettuato a titolo definitivo.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più