Definite le regole tecniche per la fatturazione elettronica negli appalti pubblici europei

  seacinfo

Con Provvedimento 18 aprile 2019 l'Agenzia delle Entrate ha definito le regole tecniche (Core Invoice Usage Specification) e le modalità applicative nel contesto nazionale italiano per la fatturazione elettronica negli appalti pubblici europei.In particolare, come indicato nelle specifiche tecniche allegate al provvedimento, l'emissione e la trasmissione di una fattura elettronica, alle PA europee, avviene secondo le regole del modello semantico europeo, espresse nella sintassi UBL (Universal Business Language) o CII (Cross Industry Invoice)Successivamente il Sistema di Interscambio, verificata la conformità della fattura inviata rispetto al modello semantico, alla sintassi di formato (UBL o CII) e alla CIUS Italiana, procede alla traduzione dal formato originario (UBL o CII) al formato 'XMLPA'.Infine lo SdI provvede ad inviare al destinatario il file 'tradotto', assieme al report di conversione e al file originario.Nel Provvedimento viene, infine, precisato che qualora fatture elettroniche non rispettino le restrizioni definite nella CIUS, queste sono oggetto di scarto e, pertanto, si considerano non emesse.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più