Deducibilità dei contributi versati dai notai alla specifica Cassa: Risoluzione

  seacinfo

Con Risoluzione 12 ottobre 2020, n. 66, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla deducibilità dei contributi previdenziali e assistenziali versati dai notai alla Cassa Nazionale del Notariato ai fini della determinazione del reddito di lavoro autonomo.L'Agenzia ha recepito il nuovo orientamento giurisprudenziale, che prevede che tali spese possano essere dedotte secondo la prima parte dell'art. 54, TUIR, dove si fa espresso riferimento alle 'spese sostenute nel periodo stesso nell'esercizio dell'arte o della professione', ovvero alle spese che, come quelle in esame, sono inerenti all'attività svolta' (Cassazione n. 18395/2020).Superando l'orientamento precedentemente espresso nella Risoluzione n. 79/2002, ai contributi previdenziali e assistenziali versati dai notai alla Cassa, viene, quindi, riconosciuta la deducibilità ai sensi dell'art. 54, comma 1, TUIR e, quindi, la concorrenza nel calcolo della base imponibile IRAP.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più