Decreto Rilancio: proroga in materia di maxi ammortamento

  seacinfo

Come è noto la Legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015), ha introdotto il c.d. maxi ammortamento ovvero l'agevolazione che consente alle imprese/lavoratori autonomi che effettuano investimenti in beni strumentali nuovi di incrementare il costo di acquisizione di detti beni al solo fine di dedurre maggiori quote di ammortamento/canoni di leasing.Da ultimo l'articolo 1, D.L. n. 34/2019 (c.d. Decreto Crescita) ha: prorogato (nuovamente) la possibilità di effettuare investimenti in beni strumentali materiali nuovi dal 1° aprile 2019 al 31 dicembre 2019 oppure al 30 giugno 2020 a condizione che entro il 31 dicembre 2019 sia stato accettato il relativo ordine e siano stati pagati acconti in misura pari al 20% del costo di acquisizione;riproposto l'esclusione dall'agevolazione l'intera categoria dei veicoli richiamati dal comma 1, articolo 164 ,TUIR;introdotto una limitazione prevedendo che la maggiorazione pari al 30% del costo di acquisizione non è applicabile sulla parte di investimenti complessivi superiori a euro 2,5 milioni.L'articolo 50, Decreto Rilancio (D.L. n. 34/2020) dispone il differimento dal 30 giugno 2020 al 31 dicembre 2020 del termine di acquisto dei beni strumentali nuovi il cui ordine sia stato accettato e siano stati pagati acconti in misura pari al 20% del costo di acquisizione entro il 31 dicembre 2019.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più