Credito d'imposta su pagamenti tracciabili: Provvedimento

  seacinfo

Con Provvedimento 29 aprile 2020 l'Agenzia delle Entrate ha definito i termini, le modalità e il contenuto delle comunicazioni che gli operatori dei sistemi di pagamento elettronici tracciabili devono inviare all'Amministrazione finanziaria dal 1° luglio 2020.Tali comunicazioni, previste dall'art. 22, comma 5, D.L. n. 124/2019 generano un credito d'imposta, in favore degli esercenti attività d'impresa, arti o professioni, nella misura del 30% delle commissioni dovute in relazione a cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nei confronti di consumatori finali dal 1° luglio 2020 e saldate mediante carte di credito, di debito, prepagate o altri strumenti di pagamento elettronici tracciabili.Il credito è riconosciuto a condizione che gli esercenti, nel corso dell'anno d'imposta precedente a quello di riferimento abbiano conseguito ricavi e compensi per un importo non superiore a euro 400.000. La comunicazione deve essere trasmessa mediante SDI in conformità alle specifiche tecniche allegate al provvedimento e deve contenere il codice fiscale dell'esercente, il mese e l'anno di addebito, il numero totale delle operazioni di pagamento effettuate e delle operazioni di pagamento riconducibili a consumatori finali, l'importo delle commissioni addebitate per le operazioni di pagamento riconducibili a consumatori finali, l'ammontare dei costi fissi periodici che ricomprendono un numero variabile di operazioni in franchigia anche se includono il canone per la fornitura del servizio di accettazione.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più