Condanna penale per ristoratore che non informa la lavoratrice in nero sulla sicurezza sul lavoro

  seacinfo

La Corte di Cassazione, con la Sentenza n. 41600 del 10 ottobre 2019, ha confermato la responsabilità penale di un ristoratore, condannato per non aver fornito le dovute informazioni ad una cameriera – anche se in nero – in merito ai rischi per la salute e la sicurezza sul lavoro, alle procedure relative al primo soccorso, alla lotta antincendio e all'evacuazione dell'azienda ed ai nominativi dei lavoratori addetti all'applicazione di tali misure di protezione.La decisione degli ermellini si fonda sulle dichiarazioni che la donna ha rilasciato all'ispettore dalle quali si è evinta la sua assoluta estraneità alle procedure di sicurezza.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più