Commissioni pos addebitate da società britannica ed esterometro: interpello

  seacinfo

Con Risposta a interpello 11 marzo 2020, n. 91, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in relazione all'eventuale obbligo di comunicazione dei dati tramite esterometro per le commissioni 'POS' addebitate da una società residente a Londra. L'Agenzia ha ricordato che tale adempimento, a differenza dello 'spesometro' non è limitato alle sole operazioni rilevanti ai fini IVA, ma riguarda tutte le cessioni di beni e le prestazioni di servizi verso e da soggetti non stabiliti nel territorio dello Stato. Tuttavia, il committente italiano deve adempiere agli obblighi IVA per tale operazione tramite reverse charge, integrando la fattura ricevuta con il regime di esenzione IVA di cui all'articolo 10, comma 1, n. 1, D.P.R. n. 633/1972. Qualora scelga di comunicare l'integrazione della fattura tramite SdI con modalità elettronica, non è tenuto a comunicare l'operazione anche tramite esterometro.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più