Chiarimenti sull'utilizzo in compensazione dei c.d. 'crediti cinema': Interpelli

  seacinfo

Con le Risposte n. 152 e 153, datate 22 maggio 2019, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito ai c.d. 'crediti cinema' introdotti dalla Legge n. 220/2016.In particolare, l'Agenzia ha chiarito che l'utilizzo in compensazione del 'credito investimenti' e del 'credito programmazione' non è soggetto:al limite speciale di euro 250.000, di cui all'art. 1, comma 53, Legge n. 244/2007 in base a quanto previsto dall'art. 21, comma 3, Legge n. 220/2016;al limite generale di euro 700.000 di cui all'art. 25, D.Lgs. n. 241/1997.L'Agenzia ritiene che il limite generale non opera ai crediti cinema in commento, in quanto per essi è stato istituito il c.d. 'Fondo per il cinema e l'audiovisivo'; pertanto, i medesimi possono essere utilizzati in compensazione anche oltre il limite di euro 700.000.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più