Chiarimenti in merito al sisma bonus: Interpello

  seacinfo

Con Risposta 19 febbraio 2019, n. 61, l'Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito alla cumulabilità tra contributi erogati per la ricostruzione privata in territori colpiti da eventi sismici e le detrazioni fiscali finalizzate alla riduzione del rischio sismico di cui all'art. 16, D.L. n. 63/2013 (sisma bonus).Nel caso di specie, l'istante ha realizzato alcuni interventi volti al ripristino dei danni su un edificio leso da eventi sismici del 2009 e per i quali ha ottenuto un contributo negli anni 2009-2010; ciò premesso l'istante vorrebbe realizzare un intervento di miglioramento o adeguamento sismico dell'intero edificio, finalizzato alla riduzione del rischio sismico.L'Agenzia ritiene che l'istante potrà fruire delle detrazioni recate dall'articolo 16, comma 1-bis e seguenti, D.L. n. 63/2013 (sisma bonus) per le spese sostenute, in quanto la finalità di riqualificazione del patrimonio edilizio abitativo secondo criteri di prevenzione del rischio sismico non viene meno in presenza di un finanziamento ricevuto per la ricostruzione privata dei territori.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più