Cessazione partita IVA e riscossione crediti: Consulenza Giuridica

  seacinfo

Con Risposta a Consulenza Giuridica 29 novembre 2019, n. 20, è stato chiesto all'Agenzia delle Entrate se soggetti già titolari di partita IVA, una volta assunti come dipendenti pubblici, possano mantenerla aperta per il tempo necessario alla riscossione dei crediti maturati nella precedente attività professionale.L'Agenzia ha richiamato i seguenti documenti di prassi:con Circolare 16 febbraio 2007, n. 11, è stato chiarito che '[…] l'attività del professionista non si può considerare cessata fino all'esaurimento di tutte le operazioni […] ed in particolare di quelli aventi ad oggetto crediti strettamente connessi alla fase di svolgimento dell'attività professionale', ed inoltrecon Risoluzione 20 agosto 2009, n. 232, è stato precisato che '[…] Fino al momento in cui il professionista […] non realizza la riscossione dei crediti, la cui esazione sia ritenuta ragionevolmente possibile, […] l'attività professionale non può ritenersi cessata'.È fatta salva, per il professionista titolare di partita IVA che abbia intenzione di chiuderla, la possibilità di anticipare la fatturazione delle prestazioni rese e, quindi, l'esigibilità dell'IVA rispetto al momento dell'effettivo incasso.

NEWS realizzata dal team del Centro Studi Seac, responsabile dell'editoria e dei servizi: Informative Quotidiane, Schede Operative, Circolari 730, Settimana Professionale, Notiziario e Mondo Paghe. Scopri di più